IL COMPENDIO BREVE DELLA STORIA CROATA

Il primo millennio avanti Cristo
Il territorio dell’odierna Croazia fu colonizzato dagli Illliri, Celti e Greci.

I e II secolo avanti Cristo
I Romani subentrano agli Illiri, ai Celti ed ai Greci nel dominio dei territori dell’attuale Croazia.

VII secolo
I Croati ed altri popoli slavi arrivano sul territorio dell’attuale Croazia e fondano i loro primi regni.

IX secolo
La Croazia è governata dai re Trpimir (dux Chroatorum) e Branimir, sotto i quali acquista la propria indipendenza.

X secolo
Sotto il regno del re Tomislav avviene l’unificazione di due aree croate, quella del bacino della Sava e quella litoranea.

XII – XVI secolo
Nasce la comunione di stati tra Croazia ed Ungheria.

1409.-1797.
Venezia da Ladislao di Napoli compra per 100.000 ducati i diritti di governare la Dalmazia dove resta fino al 1797.

Il secolo quindicesimo (il Quattrocento)
Periodo delle conquiste turche.

XVI – XIX secolo
Gli Asburgo governano su gran parte del territorio della Croazia.

XVIII secolo
La Croazia e alle dipendenze amministrative di Ungheria. Istria, Dalmazia, Dubrovnik e Boka Kotorska per un breve periodo riconoscono il domino di Napoleone I, dopo di che, dal 1813. sono sotto le autorita austriache.

XIX secolo
Movimento nazionale croato di rinascita, Movimento illirico contro la “germanizzazione”, la “magiarizzazione” e l’“italianizzazione” della Croazia.

1848.
Il bano croato Josip Jelačić capeggia un movimento rivoluzionario tendente a tutelare gli interessi nazionali. L’anno successivo s’instaura la monarchia austro-ungarica e, nel 1868, la Croazia riconquista la propria autonomia.

1918.
Il Parlamento proclama la separazione dall’Impero austro ungarico, e nello stesso anno la Croazia entra nel Regno di Serbi, Croati e Sloveni. Istria, Fiume (Rijeka) e Zara (Zadar) sono sotto il governo italiano.

1939.
Si crea il Banato della Croazia.

Seconda guerra mondiale
Durante la Seconda guerra mondiale la Croazia è divisa. Dopo il conflitto, entra a far parte dello Stato federale jugoslavo.

1990.
Dopo le elezioni democratiche, la Croazia lascia Iugoslavia e proclama la propria indipendenza e la sovranita. Nello stesso tempo comincia la ribellione di una parte del popolo serbo, dettata da Belgrado, il che finisce con l’aggressione dell’armata federale iugoslava e di Iugoslavia alla Repubblica della Croazia.

1992.
La Croazia diventa con pieni diritti il membro delle Nazioni unite.

1995.
Quasi tutto il territorio croato e libero.

1998.
Con la reintegrazione pacifica e ricostituita la sovranita su tutto il paese, includendo anche la Slavonia orientale.

Oggi
Dopo un periodo di ricostruzione dei territori distrutti e devastati, la Croazia si riassesta economicamente ed attende con fiducia l’imminente ingresso nell’Unione europea.

Online Booking

Modif./cance.